Cerveteri – Dopo 40 anni torna a “casa” la Kylix di Eufronio





Il Museo Nazionale Cerite  ospita la famosakylix di Eufronio per celebrare il decennale della  nomina a  “Patrimonio dell’Umanità” della Necropoli della Banditaccia; dall’8 maggio al 20 luglio 2014, il Museo nazionale Caerite ospita la mostra “La Coppa di Eufronio: patrimonio dell’umanità”. Il percorso espositivo ha come protagonista la celeberrima Kylix di Eufronio, che torna a Cerveteri dopo ben 40 anni. “E’ un momento eccezionale per Cerveteri, patria originaria di questo capolavoro”, racconta il sindaco Alessio Pascucci, che giovedì insieme alla soprintendente Alfonsina Russo, presenterà la Kylix e le iniziative dedicate al suo arrivo.

La coppa, alta 20,5 cm e con un diametro di 46,5 cm, viene realizzata tra il 500 – 490 a.C. durante il periodo delle guerre persiane, nell’officina Euphronios, nel Keramikos; qui il “Vasaio” per antonomasia, inizia a sperimentare tecniche sempre nuove, come la possibilità di modulare densità e intensità cromatica della linea e ad applicarla allo studio del corpo umano, nei suoi aspetti strutturali, in funzione di una migliore rappresentazione del movimento e dello scorcio, sperimentando anche l’innovativa tecnica delle figure rosse. Si circonda dei ceramografi più importanti come Duride e Macrone, ma è Onesimos il suo preferito, con il quale firma questa stupenda coppa.

Sulla sua superficie, sono tracciate con somma maestria, le scene più importanti narrate nell’Iliade, dalla commovente morte del piccolo Astianatte e di Re Priamo per mano di Neottolemo davanti a Polissenadisperata, a Patroclo che porta la schiava Briseide da Agamennone. La liberazione di Aithra; la violenza di Aiace Oileo su CassandraAiace ed Ettore in duello; una vera e propria “storia illustrata” del poema omerico. Sul piede, è presente la più antica dedica etrusca, con i caratteri dell’alfabeto tipico di Caere, a Hercle.

La locandina dell'evento
La locandina dell’evento

Questo reperto è senza dubbio tra quelli più contesi, ed ha una storia ricca di peripezie da raccontare. Rinvenuta nella Necropoli di Sant’Antonio durante degli scavi clandestini intorno agli anni ’70, uscita clandestinamente dall’Italia, fu venduta in numerosi frammenti tra il 1983 e il 1985, successivamente  “sbucò dal nulla” oltreoceano e venne acquistata e ricomposta dal Getty Museum che ne fece uno dei suoi pezzi più importanti.




La Kylix è stata restituita all’Italia solo nel 1999, ”tradita” proprio dalla dedica e grazie anche ad alcuni frammenti combacianti ritrovati nel sito archeologico che ne comprovavano la provenienza. Dopo lunghe indagini e altrettanto lunghe trattative il Getty Museum è stato costretto a restituire il pregiato capolavoro all’Italia, venne consegnato al Museo archeologico nazionale di Villa Giulia, dove è esposto ancora oggi.
Nel 2005 vengono restituiti da Giacomo Medici due framenti (allora quotati 125mila euro),  il mercante verrà poi processato per le vicende relative alle acquisizioni di reperti trafugati da parte del Getty Museum.
L’avventura della Coppa di Eufronio, però non finisce, infatti è stata protagonista anche di un altro “giallo”, nel 2008 viene ritrovato da due volontari, un altro piccolissimo frammento pertinente alla kylix, dove è rappresentato l’episodio del messaggero di Agamennone, Taltybios, che viene mandato a riprende la schiava Briseide.
Queste due persone, poi finirono nel mirino dei Carabinieri, perchè il ritrovamento venne segnalato come “ritrovamento occasionale” al di fuori del loro orario di servizio, per poter intascare il premio che lo Stato elargisce in questi casi.
Ovviamente i ritrovamenti di questi frammenti, dopo 40 anni, non fa perdere la speranza di vedere un domani la kylix nella sua completezza, anche con l’idea che altri pezzi sopravvissuti  siano stati venduti al mercato del traffico illegale di opere d’arte, e che possano essere recuperati, un giorno.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.