Anguillara: Scuola, genitori “imbianchini” pronti per ripulire le aule





Dos est magna parentum virtus, la virtù dei genitori è una grande dote scriveva il poeta Orazio, definizione quest’ultima che sintetizza soddisfacentemente quanto fatto durante il fine settimana dalle mamme e dai papà degli alunni che frequentano abitualmente le scuole anguillarine.
Si sono rimboccati le maniche, si sono autotassati per acquistare tutto il materiale necessario per la tinteggiatura e per la pulizia, sottraendo del tempo libero in coincidenza con le vacanze natalizie, esclusivamente per migliorare il decoro e sistemare lo stato complessivo delle aule scolastiche. Hanno aderito al progetto approvato dall’Amministrazione Comunale qualche tempo fa, “Diamoci una mano”, finalizzato a reperire volontari disposti a impegnarsi per la ripulitura dei plessi scolastici. 
Si è provveduto alla stuccatura e alla tinteggiatura delle stanze, alla pulizia a fondo dei banchi e delle sedie. In particolare, ci segnalano grande apprezzamento per l’intervento di un genitore, giunto ad Anguillara da un paese straniero (di quelli osteggiati da un populismo becero che individua in questa categoria di persone i problemi che viviamo ora) che, certamente più esperto degli altri, ha dato un prezioso aiuto per rendere il lavoro professionalmente apprezzabile.
Un segnale importante, certamente positivo, l’opera di volontariato curata dai genitori per migliorare uno spazio comune, dove i loro figli trascorrono gran parte della giornata. 
È bene ricordare che l’intera manutenzione dovrebbe essere curata dall’Amministrazione Comunale, chi paga le tasse ha tutto il diritto di avere una scuola che non cada a pezzi, pulita e con i locali idonei per svolgere le attività ricreative.

Non solo ad Anguillara si è ricorso all’aiuto dei genitori. Molti comuni condividono con la nostra città la scarsezza delle risorse destinate alle opere di manutenzione ordinaria, per cui diverse sono le amministrazioni che cercano di superare questa lacuna chiedendo l’aiuto dei cittadini più sensibili. Sarebbe però il caso, per agevolare tanto senso civico, che da parte della macchina comunale l’organizzazione delle operazioni fosse più attenta. Un giorno i genitori intervenuti nella scuola secondaria di 1° grado di S. Francesco sono dovuti andare via dopo poco perché non è stata segnalata la loro presenza al personale di sorveglianza ATA, con un certo disappunto da parte di chi era giunto con tanta voglia di fare. Inoltre, proprio perché il manifesto indicava, “Diamoci una mano”, l’ufficio manutenzioni avrebbe potuto (e dovuto) fornire ai volontari il necessario per il completamento dell’opera. Invece chi ha donato il suo tempo per risolvere la mancanza certamente non dovuta alla sua volontà, ha dovuto, oltre che portarsi gli attrezzi da casa, acquistare anche stucco, vernice e altri materiali di consumo.

Simonetta D’Onofrio

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/8450/” title=”8450″]






Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.