Fiumicino – Satta: “Sindaco risolvi l’emergenza oggi e avanti con il sottopasso!”





Sono personalmente favorevole al progetto del sottopasso sulla Fossa Traianea. Se venisse realizzato e si superassero i tanti problemi che bene o male si corre il rischio di incontrare (costi, iter burocratici, ritrovamenti archeologici) sarebbe per Fiumicino un elemento innovativo e soprattutto risolverebbe un problema annosso, che affligge ormai da decenni il nostro comune: l’isolamento tra Fiumicino centro storico e l’Isola Sacra, che ha portato insieme ai grandi centri commerciali, il tracollo del lavoro delle attività commerciali di via Torre Clementina e vie adiacenti. Di sottopasso a dir la verità si parla da decenni. Il primo fu il Dottor Perna a cavallo degli anni 60/70. Lo trovo un progetto entusiasmante, interessante alla luce di quella conferenza dei servizi che si è svolta qualche giorno fa nella sala convegni dell’Autorità Portuale nella quale si è discusso di navigazione sul Tevere di Battelli o catamarani per trasporto turistico. Purtroppo l’impedimento dell’ormai vetusto ponte 2Giugno inaugurato il 25 febbraio 1948, potrebbe rallentare la realizzazione del progetto. Come superare questo ostacolo in attesa del sottopasso per il quale serviranno comunque diversi anni? Un nuovo pianale del ponte in lega leggera, con un peso inferiore almeno del 50%. Grazie alle nuove tecnologie e a questi materiali leggeri e ultraresistenti si potrebbe allargare di circa un metro la carreggiata, spostando i marciapiedi pedonali (che prima degli anni 60 erano in tavolato ligneo) fuori della attuale sagoma, in modo tale da favorire il passaggio in sicurezza delle persone con disabilità che oggi sono costrette a mettere a rischio la propria incolumità passando tra i veicoli. Con pochi soldi si potrebbe intervenire anche sulle parti meccaniche, per migliorare le operazioni di alzamento e abbassamento. Ho fatto delle ricerche personali anche sugli studi delle università di materiali in lega leggera più resistenti dell’acciaio. Si tratterebbe di spendere 1.5/1.8 milioni di euro. In attesa di realizzare il sottopasso potrebbe essere un’idea alternativa.

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/8208/” title=”8208″]






Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.