Anguillara – Istituti scolastici: rivoluzione in vista.





Dal suo insediamento, anche a causa del decreto Gelmini che ha modificato l’organizzazione del sistema scolastico, imponendo l’accorpamento delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie in “Istituti comprensivi”, la giunta comunale ha dovuto districarsi nelle diverse volontà delle due realtà scolastiche del territorio che cercavano di portare ciascuna l’acqua nel proprio mulino.
La prima delibera di giunta, due anni fa, prevedeva, nel caso non fosse stata accettata la richiesta di sospensiva del provvedimento ministeriale (in sostanza si chiedeva di mantenere intatto lo status quo), l’accorpamento delle due scuole in un unico istituto comprensivo di oltre duemila studenti. La soluzione scelta provocò numerose lamentele, alcuni genitori erano seriamente preoccupati del fatto che un megaistituto di oltre duemila studenti, dislocati in quattro cespiti lontani tra loro, avesse potuto non rappresentare la soluzione ottimale.
Fortunatamente l’applicazione delle intenzioni di legge subì un rallentamento, per consentire alle singole realtà un adattamento non traumatico alle nuove indicazioni. La giunta comunale ha quindi mantenuto la situazione precedente, in attesa di una nuova definizione dell’organizzazione scolastica.
Il Consiglio di circolo del 205° Circolo didattico ha chiesto l’istituzione di due sezioni di scuola secondaria di primo grado nel plesso di Via Verdi, con notevoli problemi logistici (non ci sono abbastanza classi). Diversamente il Consiglio d’Istituto del Comprensivo ha chiesto di non frazionare la scuola media, per non disperdere l’offerta scolastica.
Il 16 settembre la Giunta ha approvato una nuova delibera, che prevede l’istituzione di due Istituti comprensivi, in ottemperanza alla legge, suddivisi geograficamente in “centro storico” e “scalo”.
La nuova organizzazione cambia completamente l’attuale assetto. La scuola media di via San Francesco, legata da diversi anni al plesso di via della Mainella farà invece parte dell’istituto “centro storico” assieme ai due plessi che facevano parte del 205° Circolo. Nuove sezioni di scuola media verranno invece istituite, come ci conferma l’assessore alla PI Marisa Botti, presso la struttura di scalo, che potrà avvalersi dei nuovi locali in prossima consegna.
L’assessore ha dichiarato: “Abbiamo deciso noi di fare una scelta perché non arrivasse sul nostro territorio calata dall’alto, visto che ormai tutte le istituzioni scolastiche del primo ciclo di istruzione devono essere organizzate, per favorire la continuità nella vita scolastica degli alunni, in Istituti Comprensivi.
Anguillara ha ormai consolidato la sua crescita demografica intorno a due poli di urbanizzazione e sviluppo, il centro storico e la stazione, per cui i due istituti comprensivi devono rispecchiare la realtà territoriale e rispettare le esigenze degli alunni e delle famiglie. Per fortuna, rispetto agli anni scorsi, gli edifici scolastici della stazione hanno alcuni spazi in più, sufficienti a far partire il nuovo Istituto Comprensivo, che, comunque, nei prossimi anni avrà bisogno di ulteriori ampliamenti”.
La nuova organizzazione, infatti, se può migliorare oggi la fruizione dei servizi scolastici, potrebbe presentare criticità fra qualche anno quando, col completamento delle abitazioni in costruzione nella zona 167, vedrà l’aumento della popolazione scolastica insistente nella sede presso la stazione. Per evitare questo rischio, il prossimo impegno dell’amministrazione è realizzare un progetto di ampliamento a lungo termine al fine di farsi trovare pronti nel momento del bisogno.

Silvio Rossi

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/8076/” title=”8076″]





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.