Santa Marinella – Si è conclusa la IX edizione del Santa Marinella Film Festival





Domenica sera, nella splendida cornice del giardino dell’Hotel Le Palme, si è conclusa con un’ovazione IX edizione del “santa marinella film festival”. Grande la soddisfazione degli organizzatori, degli sponsor e del Sindaco Roberto Bacheca per la riuscita manifestazione, che ha segnato sempre il tutto esaurito. In chiusura di serata, per suggellare il rinnovato successo, il vice Sindaco Carlo Pisacane e l’assessore al turismo Alessio Marcozzi hanno immediatamente invitato la cittadinanza alla prossima edizione del festival in una location più grande per accogliere sempre più pubblico.
Prima della premiazione è stato presentato fuori concorso il documentario di Dario Albertini “SLOT Le luci intermittenti di Franco, che affronta un tema di grande attualità la ludopatia, la dipendenza dal gioco ed in particolare dalle slot machine. Il film, girato tra Santa Severa e Civitavecchia, è stato molto apprezzato anche da Fabio Napolitano, rappresentante del Comitato locale della Croce Rossa Italiana, che ha espresso l’auspicio di poterlo riproporre per fini di prevenzione sociale anche nelle scuole del territorio.
Il direttore del “festival”, Ernesto Nicosia, ha poi dato il via alla proclamazione dei vincitori per procedere alla consegna dei premi. Grandi applausi per i due giovani attori esordienti Francesca Di Benedetto, per la sua interpretazione nel film Pulce non c’è di Giuseppe Bonito, e Tiziano Talarico, per la sua interpretazione nel film Itaker di Toni Trupia, ai quali sono state poste brevi domande di rito e per dare il tempo ai fotografi di riprenderli. 
Elisabetta De Vito, miglior attrice protagonista nel film Benùr. Un gladiatore in affitto di Massimo Andrei, ha galvanizzato la platea con un interessante dialogo con il pubblico, sulle diversità tra il lavoro teatrale e il film,. Il Premio al miglior attore protagonista è stato assegnato a Pippo Delbono per la sua interpretazione nel film Pulce non c’è. Il vice sindaco Carlo Pisacane ha consegnato il premio al regista Giuseppe Bonito. Il Premio speciale della Giuria è stato consegnato dall’immancabile Alessandro Battilocchio a Filiberto Scarpelli per il film Tormenti. Film disegnato. Il Presidente della Giuria Ernesto G. Laura ha poi assegnato il premio più importante: Premio al miglior film a Appartamento ad Atene consegnando il premio alla sceneggiatrice Heidrun Schleef. 
Il festival si chiude con un bilancio estremamente positivo grazie al rinnovato interesse dell’attento pubblico di Santa Marinella e dello sforzo del Comune e degli sponsor. Un ringraziamento speciale alla Croce Rossa Italiana, che insieme alla Fondazione della Cassa di Risparmio di Civitavecchia, all’Associazione 50&più e all’Hotel Le Palme, hanno riportato il festival anche a Santa Severa.

 

Tutti i Premiati e le motivazioni

Premio alla migliore attrice esordiente a Francesca Di Benedetto per la sua interpretazione nel film Pulce non c’è di Giuseppe Bonito con la seguente motivazione: “per la dolente intensità e la nitida semplicità con cui esprime, nella difficile età della adolescenza, i turbamenti di Giovanna di fronte a uno sconvolgente dramma familiare”

Premio al miglior attore esordiente a Tiziano Talarico per la sua interpretazione nel film Itaker di Toni Trupia con la seguente motivazione:”per una sorprendente interpretazione e una puntuale rappresentazione di un figlio, in un metaforico viaggio, alla ricerca di una paternità che, sradicata dal contesto familiare, diventerà elettiva.”




Premio alla migliore attrice non protagonista a Katia Beni per la sua interpretazione nel film Sarebbe stato facile di Graziano Salvadori con la seguente motivazione: “per la sottile interpretazione, in un’opera corale, del doppio ruolo di una donna omosessuale che si confronta quotidianamente con il mondo e con i propri affetti”

 

Premio al miglior attore non protagonista a Paolo Sassanelli per la sua interpretazione nel film Cosimo e Nicole di Francesco Amato con la seguente motivazione: “per una interpretazione di pregiata fattura e in linea con le sue corde, che dà spessore alla figura di un piccolo impresario border line, in lotta col quotidiano, caratterizzandolo con apprezzabile misura.” 

Premio alla miglior attrice protagonista a Elisabetta De Vito per la sua interpretazione nel film Benùr. Un gladiatore in affitto di Massimo Andrei prodotto dalla Combo film, con la seguente motivazione: “per la ricchezza e varietà di toni e sfumature con cui – nel preciso ritratto psicologico ed emotivo di una donna sopraffatta da un’esistenza di fatica e delusione in un contesto di emarginazione sociale – porta sullo schermo una sua collaudata interpretazione teatrale sapendo efficacemente trasformarla in originale e personale linguaggio cinematografico”

Premio al miglior attore protagonista a Pippo Delbono per la sua interpretazione nel film Pulce non c’è con la seguente motivazione: “regista e attore di rilevanza internazionale che ha recato nel teatro europeo un significativo rinnovamento poi esteso ad un tipo di cinema rigoroso e personale, si misura qui con l’inquieto ed inquietante personaggio di un padre accusato di turpi rapporti con la sua bambina autistica, costruendone un’immagine cinematografica di forte potenza espressiva affidata soprattutto alla gestione drammatica del proprio corpo e dello sguardo.”

Premio speciale della Giuria a Filiberto Scarpelli per il film Tormenti. Film disegnato con la seguente motivazione: “utilizzando un mezzo filmico inusitato e affascinante, ha dato ad ognuno di noi, la possibilità di immergersi in una atmosfera d’antan, variegata da una infinita gamma di sfumature tra le quali ritrovare sensazioni e ricordi della propria cultura/memoria.”
 
Premio al miglior film a Appartamento ad Atene di Ruggero Dipaola con la seguente motivazione: “per l’intensità drammatica, la capacità di suggerire un’atmosfera, l’acuta indagine psicologica con le quali è rappresentata la crescente tensione umana e spirituale tra una famiglia greca e un ufficiale tedesco che si istalla nella loro casa. Con sbalorditiva padronanza del linguaggio cinematografico il regista, alla sua opera prima, riesce a darci una realistica immagine di un preciso evento storico – l’occupazione nazista della Grecia durante la seconda guerra mondiale – e allo stesso tempo ad elevarlo ad un significato universale della sofferenza e della tragedia di tutte le guerre”

 

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/7920/” title=”7920″]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.