Cultura – Simon Bolivar: un esempio anche per gli europei





È stato presentato domenica 7 luglio all’isola del cinema il film “Diario di Bucaramanga”, un film venezuelano, opera prima di Carlos Alberto Fung, giovane regista molto promettente, vincitore in patria del premio come migliore opera prima e come migliore direzione artistica al festival cinematografico di Merida.Il film racconta gli ultimi anni di vita di Simon Bolivar, l’eroe che riuscì nell’impresa di unificare in un’unica nazione una zona molto estesa, che va da Panama all’Ecuador. La Grande Bolivia sognata e fermamente voluta da Bolivar ha rappresentato uno dei più autentici esperimenti di democrazia sorta nei primi decenni dell’Ottocento sulle ali dei movimenti di massa che hanno sfociato nella Rivoluzione Francese.
Proprio a Parigi Bolivar ha trascorso alcuni anni, diventando amico di Napoleone Bonaparte, e distaccandosene quando il condottiero corso ha imposto una svolta autoritaria al suo governo.
Abbiamo incontrato il giovane regista alla presentazione del film durante la serata venezuelana all’Isola del Cinema di Roma.
Signor Fung, abbiamo letto che questa è la sua opera prima
Si, è il primo film intero che dirigo
Cosa significa per Lei presentare il film in Italia?
Sono molto contento, portare la mia opera in Europa, oltre a un riconoscimento personale, serve a far conoscere la nostra storia e la nostra cultura.
Ci sta dicendo che Simon Bolivar può essere un esempio anche per noi?
Certo. Bolivar è stato un gran politico, era molto più moderno del suo tempo, il suo messaggio è ancora attuale.
Ci sono oggi in Sudamerica personaggi di questo valore?
È difficile da dire, Bolivar è stato unico. Forse chi ha cercato di dare le stesse speranze è stato il Comandante Chavez. Anche lui ha sognato di unire gli stati che sono sempre stati divisi, ha cercato di creare una coscienza comune.
Cambiamo argomento, Lei conosce il cinema italiano?
Certamente. Chiunque vuole fare film nel mondo non può non conoscere il cinema italiano, o il cinema francese. Sono stati la scuola di tutti noi. Ho iniziato ad amare il cinema guardando i film di Fellini, Rossellini, De Sica.
E tra gli attuali?
Mi piace molto Benigni. Fa dei film molto intelligenti. La vita è bella è stato fantastico.
Qual è il film che le è piaciuto di più?
Una giornata particolare, un film molto bello, di Scola.
La rivedremo in Italia?
Sicuramente. Roma è molto bella. Forse un giorno poteri pensare anche di trasferirmi qui. A Roma o a Barcellona. Sono due città in cui mi trovo molto bene

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/7860/” title=”7860″]





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.