QUALI VERITA’ SUL SUD.





Quali verità sul Sud
Quali erano le vicende narrate nei nostri libri di Storia, una cosa è certa, non  riescono a definire le motivazioni  che hanno dato l’avvio alla propaganda contro il Sud.
Per questo l’associazione “IN Cammino ONLUS” ha creato un evento unico nel suo genere. La possibilità di conoscere e approfondire, in un sol pomeriggio, tutto quello che per anni è stato taciuto e diffuso solo attraverso documenti rimasti segreti e cui da pochi anni si sta attingendo.
Il Sud, cui è accluso anche lo Stato della Chiesa, è definito povero e ignorante, pieno di feudatari retrogradi e arcigni verso la popolazione sfruttata e vituperata.
E il Sud… all’epoca dell’unità d’Italia, aveva delle punte di eccellenza: la sua cantieristica navale era la  4° del mondo, aveva una produzione tessile di pregio, delle famose cartiere, lo zolfo estratto in Sicilia costituiva il 90% della produzione mondiale, le saline siciliane e pugliesi erano rinomate (queste ultime ribattezzate con regio decreto “Margherita di Savoia”), per non parlare dell’agricoltura: agrumi, olivi, vitigni… come è maturata quindi la “questione meridionale”?
Considerate che una potenza come l’Inghilterra aveva la necessità di possedere questi prodotti per  svolgere  i suoi traffici nei mari del globo.
E il malcontento esploso nei fenomeni di brigantaggio? Perché se parliamo dell’Irlanda, da parte dell’Inghilterra, parliamo di nazione invasa e se consideriamo il Sud e lo stato della Chiesa questo non avviene?
Per quanto riguarda la nostra bandiera, o  i colori dell’Italia… perché nel mondo sportivo gli italiani gridano “forza azzurri”? Cosa c’entra l’azzurro con il tricolore? Nelle guerre d’indipendenza dal 1848 al 1860, Carlo Alberto di Savoia utilizza come bandiera il tricolore napoleonico (adottato nel 1796 come vessillo della Legione Lombarda della Repubblica Transpadana e l’anno successivo come bandiera della nascente Repubblica Cispadana), aggiungendoci al centro lo stemma della casata, uno scudo crociato bianco e rosso circondato da un colore blu-azzurro. L’azzurro diventa il colore dello sport italiano già nel primo novecento, riuscendo così a superare la stessa caduta della monarchia Savoia e tutti gli sconvolgimenti storico-istituzionali del paese. Quando gridiamo “forza azzurri” per incitare la squadra di calcio ai Mondiali… storicamente è un po’ come gridare “forza Savoia”.
Il contesto socio-culturale degli anni che portarono all’unità d’Italia e di quelli immediatamente successivi è ripercorso in un convegno organizzato dall’associazione “In Cammino – O.N.L.U.S.” per il 24 ottobre nell’Aula Consiliare del Comune di Ladispoli, convegno che si prospetta molto interessante per soddisfare queste ed altre curiosità ed approfondire temi solitamente trascurati che invece costituiscono le radici sulle quali poggiamo il nostro presente.

Francesco Grossi

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/716/” title=”716″]





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.