All routes lead to Rome, meeting degli itinerari culturali, delle rotte, dei cammini e delle ciclovie





Mentre il Paese attraversa un difficile periodo congiunturale, da più parti si sollevano appelli per un
deciso cambio di rotta, con particolare riferimento all’immenso patrimonio di beni culturali, d’arte
e di tradizioni che non riesce ancora a tradursi in opportunità per gli italiani di oggi e di domani.
Come pensare di attivare nuove forme di sviluppo capaci di generare filiere produttive e occupazione
qualificata a partire dalla cultura e dalla bellezza? Come tornare a essere il “Bel Paese”, ovvero un
luogo che si riconosce nella propria storia e nell’eredità dei padri (patrimonio) individuando
modalità innovative per aumentare la qualità della vita?

Il Meeting

Un’importante occasione di confronto e di riflessione è offerta dalla terza edizione di “All Routes lead to
Rome – Tutti gli Itinerari portano a Roma”, Meeting internazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei
Cammini e delle Ciclovie, evento ufficiale dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.
L’iniziativa si svolgerà a Roma, in modalità diffusa presso numerose sedi e con un programma che – oltre ai seminari, ai convegni e ai momenti di confronto – presenta una serie di opportunità: aperture straordinarie, visite guidate, passeggiate letterarie, cammini, cicloescursioni, come anche spettacoli di musica antica e sacra: dieci giorni di appuntamenti – dal 16 al 25 novembre – per celebrare il patrimonio culturale attraverso la mobilità dolce.

Roma

Roma “capitale” di una bellezza e di un’arte che sono di casa in tutto il Paese, con oltre 205.000 testimonianze storiche, monumentali, architettoniche e archeologiche sparse nei diversi territori e nelle diverse regioni. E con la mobilità dolce, che rappresenta una grande opportunità per diversificare l’offerta, ben oltre il turismo balneare e delle Città d’arte, contribuendo a realizzare una stabile crescita economica e sociale attraverso l’integrazione dei molteplici e stupendi fattori naturali, paesaggistici e artistici con le risorse tecniche, finanziarie, culturali, sociali e imprenditoriali presenti presso ciascuna comunità locale.
Solo un approccio sistemico che realizzi filiere di prodotto con soggetti pubblici, privati ed ecclesiastici può consentire di promuovere strategie organiche ed efficaci, volte in direzione di nuovi flussi di domanda legati all’ambiente, alla natura, allo sport, alle nuove forme di spiritualità emergenti, alla cura del corpo e della persona.






Informazioni su Samantha Lombardi 322 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.