Festa della Repubblica, 130 aperture straordinarie di parchi e giardini


Festa della Repubblica, 130 aperture straordinarie di parchi e giardini




In occasione della Festa della Repubblica apertura straordinaria di luoghi, alcuni mai aperti al pubblico,
come il parco della villa Bell’aspetto della famiglia Borghese a Nettuno, molti a accesso limitato, come l’ex Orto segreto di Palazzo Lomellino a Genova o il giardino di Palazzo Cocozza di Montanara a Piedimonte di Casolla Caserta, saranno 130 i parchi e i giardini aperti in tutta Italia il 2 e il 3 giugno per l’iniziativa “Incontriamoci in giardino” promossa in occasione del 2018 Anno Europeo del Patrimonio Culturale dall’Associazione Parchi e Giardini d’Italia insieme al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e Ales Spa.

Lezioni di yoga, concerti, visite guidate con botanici e giardinieri, laboratori per bambini saranno organizzati per l’occasione in tutti i parchi e giardini che aderiscono alla prima edizione di questo evento che invita i cittadini a frequentare e vivere le aree verdi.

Festa della Repubblica, tante iniziative

“Vogliamo che i nostri giardini tornino ad essere per tutti dei luoghi da vivere ogni giorno. Perché
la collettività possa riappropriarsi di un patrimonio unico che può diffondere bellezza, conoscenza storica
e coscienza ambientale, e che allo stesso tempo rappresenta una risorsa per rafforzare il potenziale di
sviluppo dei territori” ha commentato Mario De Simoni, Amministratore Delegato di Ales S.p.A.

“L’iniziativa, che mira a diventare un appuntamento ricorrente a cadenza annuale, si svolge quest’anno
in contemporanea con altri paesi europei e, con il riconoscimento del marchio dell’Anno Europeo del
Patrimonio Culturale, è stata inserita nel calendario ufficiale delle manifestazioni previste nel 2018”
dichiara l’Ambasciatore Ludovico Ortona.




“La sfida è restituire centralità al patrimonio verde del Paese – ha dichiarato il Segretario Generale del
MiBACT, Carla Di Francesco – a lungo definito ‘Giardino d’Europa’ per la bellezza dei suoi paesaggi
costellati di dimore, castelli, giardini. I nostri parchi costituiscono un trait d’union tra architettura e
paesaggio, tra natura e cultura, tra patrimonio monumentale e vocazioni produttive. Sono pertanto
asset fondamentali per iniziative di valorizzazione a scala territoriale, in accordo con quanto previsto dal
nuovo piano strategico del turismo”.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.beniculturali.it.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.