RiArtEco, opere d’arte realizzate dal riciclo dei materiali


RiArtEco, opere d'arte realizzate dal riciclo dei materiali




RiArtEco non è semplicemente una mostra di opere d’arte realizzate dal riciclo dei materiali, i cosiddetti
rifiuti, bensì è il segno dell’impegno costante di artisti, designer, curatori, rappresentanti delle istituzioni
e semplici cittadini in difesa della nostra casa comune, la Madre Terra. Una filosofia di vita che non rifiuta ma accoglie quanto scartato dalla società post consumistica, ormai al collasso, per rigenerarlo come accade in Natura e contribuire al diffondersi di un nuovo corso economico e sociale, laddove la difficoltà nell’abbandonare le nostre piccole comodità quotidiane ci rende spesso insensibili al grido di dolore lanciato dal Pianeta.

Siamo come lobotomizzati dalle tecniche suasorie usate dalla pubblicità, dalla ripetitività trasmissiva di modelli preordinati, dal culto ossessivo per l’immagine artefatta che spinge verso l’acquisto compulsivo di prodotti di scarsa qualità utili solo a mantenere in gioco le regole dell’obsolescenza programmata, senza accorgerci che le risorse a nostra disposizione sono in scadenza e noi naufraghiamo in un mare di rifiuti.

RiArtEco, filosofia anti sprechi

Il movimento artistico e di idee RiArtEco lavora per contrastare il senso edonistico di questa liturgia
degli sprechi, reagendo al degrado urbano e morale con la vitalità di nuove energie creative per un
rinnovamento nei processi produttivi e costruttivi tramite l’adozione di best practice.

Se l’arte selezione e corregge la realtà imperfetta, come sosteneva Goethe, ed ogni artista per mezzo della propria visione
poetica suggerisce una chiave di lettura alle umane contraddizioni, noi giochiamo nel combinare la
critica sociale, ironica e dissacrante di matrice dadaista con l’estetica Pop fino alle nuove forme
artistiche per fornire, nell’intreccio di geometrie significanti e diversi linguaggi comunicativi, soluzioni
all’utente da applicare nel concreto di tutti i giorni.




Le opere così espandendosi oltre la fisicità della tela abitano lo spazio espositivo, incontrano il visitatore
per instaurare con lui un dialogo e raccontare la storia di una rinascita, quella del rifiuto che “estratto
dalla sua realtà limitata a conferirgli misura
”, parafrasando nuovamente Goethe, riconquista la dignità nel
gesto liberatorio e libertario dell’artista.

Gli artisti partecipanti all’edizione 2018 di  RiArtEco – il riconoscimento al rifiuto

Art Design Factory – Toimago s.r.l. – Paolo Beltrambini – Iudica Biagio – Antonella Brusati – Adriana Bugliarelli – Paola Buzzi – Lamberto Caravita – Cinzia Carrubba – Biagio Castilletti -Aldo Celle – Nadia Cesarini – Rossana Chiappori – Domenico Cocchiara – Sara Contardi – Mamy Costa – Barbara Cotignoli – Lidia Cucciniello – Giuseppe Pio d’Altilia – Giovanni Dal Cin – Adalgisa De Angelis – Monica Di Folco – Simona Di Pasquale – donidelmare Emily e Roberto – Donatella Fabbri – Leonarda Faggi – Sabrina Faustini – Ranauro Fiore – Mario Formica – Marco Gagliardi – Paola Gagliardone – Benedetta Jandolo – Laboratorio Selvaggiastro – Sergio Andrea Lagomarsino – Angelo Lussiana – Piergiorgio Maiorini – Simone Monesiglio – Gaia Musella – Donatella Onofri – Fabio Papi – Antonella Privitera – Anna Proietti – Claudia Scalera – Nik Spa NIcola Spanò – Elisa Tigano – Alessandro Vacchi – Stefania Verderosa – Stefania Zini – ¡ALEGRE! – GRETA COMINOTTI – ALESSIA VERPILIO

La tappa laziale sarà inaugurata il 28 aprile 2018 alle ore 17:30 presso il Centro di Arte e Cultura di Ladispoli, in via Settevene Palo Nord alla presenza degli artisti e della autorità locali. Dopo Ladispoli, la mostra proseguirà il suo tour espositivo a Siena, Livorno e Genova.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.