Natale di Roma 2018, domenica 22 aprile appuntamento a Via Petroselli


Natale di Roma 2018, domenica 22 aprile appuntamento a Via Petroselli




Le celebrazioni per il 2771° Natale di Roma proseguiranno domenica 22 aprile dalle 14.30 alle 20 con
un pomeriggio di festa diffusa lungo via Petroselli che, pedonalizzata per l’occasione, si trasformerà in
un grande teatro a cielo aperto con palchi e animazioni lungo tutta la strada per Eterna2771.

Dopo l’esibizione del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale, sui quattro palchi si alterneranno
concerti e spettacoli realizzati in collaborazione conTeatro dell’Opera di Roma, Teatro di
Roma e Fondazione Musica per Roma. La compagnia Materiaviva si esibirà lungo tutta l’area della festa
con teatro di strada e animazioni: giocoleria, trampoli e mangiafuoco.

Saranno raccontati i mille volti della città: dalla Roma immaginata da Shakespeare alla Roma antica di
Plauto, da quella del Novecento – con Sordi e Flaiano – a quella del Belli, dalla Roma della musica
popolare dell’Ottocento a quella delle formazioni musicali emergenti.

Natale di Roma, un evento da non perdere

L’evento è promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale – Dipartimento Attività Culturali di Roma
Capitale, con il coordinamento organizzativo diZètema Progetto Cultura e con la regia e il
coordinamento artistico di Giacomo Bisordi.




Alle 14.30 il Foro Boario ospiterà EurHope. In cammino verso la cittadinanza planetaria a cura di Stalker – Noworking con Scomodo e Termini Tv, con il sostegno del MAXXI. Si tratta della fase conclusiva di
progetto artistico dedicato al tema dell’ospitalità e della cittadinanza planetaria realizzato a partire dal
21 marzo nelle zone limitrofe alla Stazione Termini.

Tra le diverse azioni intraprese, è stata tradotta in 40 lingue la Constitutio Antoniniana, editto con cui
nel 212 d.C. Caracalla estese la cittadinanza romana a tutto il mondo allora conosciuto. Le diverse
traduzioni sono state incise su un’antica stele di travertino in un laboratorio aperto a tutti. Al Foro
Boario la stele si frantumerà e i diversi frammenti intraprenderanno il proprio viaggio verso i quattro
d’Europa: Lampedusa, Lesbo, Calais, Melilla, frontiere del rifiuto e della sofferenza di una Europa
che ha smarrito se stessa.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*