Patrimonio Culturale e Nuove Tecnologie: nel Lazio arriva il Distretto Tecnologico


Patrimonio Culturale e Nuove Tecnologie: nel Lazio arriva il Distretto Tecnologico




Patrimonio Culturale e Nuove Tecnologie: nel Lazio arriva il Distretto Tecnologico per i Beni e le
Attività Culturali. 
23,3 milioni di euro per l’innovazione tecnologica dei beni e attività culturali nella
Regione Lazio.

165 musei tra statali, civici e provinciali, 17 tra università, istituti centrali e organismi di ricerca,
30.000 imprese legate alla filiera della cultura e del turismo
: questi sono i numeri dell’inestimabile
patrimonio culturale del Lazio, che dal 21 marzo 2018 sarà al centro dell’innovazione tecnologica
grazie al Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali (DTC).

Pubblicato sul BUR della Regione Lazio, il DTC

Distretto Tecnologico per le nuove tecnologie applicate ai Beni e alle Attività Culturali nasce con
l’obiettivo di costruire una rete strutturata di rapporti e di collaborazioni tra la ricerca pubblica e
quella privata
, collegandole al sistema delle imprese.

Il patrimonio culturale del Lazio rappresenta infatti un settore strategico, da tutelare e sviluppare
anche in funzione delle opportunità che offre ma che potrebbe ulteriormente svilupparsi grazie a un
nuovo sistema che coinvolga tutte le sue componenti
.




Il nuovo Avviso pubblico – finalizzato alla valorizzazione e fruizione in modalità innovativa del
patrimonio culturale della regione
– mette a disposizione una dotazione di 3,2 per la progettazione e
20 milioni di euro per la realizzazione: un totale di 23,2 milioni di euro per interventi tecnologici
destinati a rendere fruibili luoghi, percorsi e itinerari reali e virtuali
fornendo, al contempo,
opportunità di lavoro ai giovani professionisti, possibilità di sviluppo alle imprese del territorio e
creazione di nuove destinazioni turistiche.

Domande a partire dalle ore 12 del 21 marzo 2018

I titolari dei beni culturali del Lazio (Istituti e Luoghi della Cultura come definiti dagli artt. 101 e ss del
Codice dei Beni Culturali), che siano proprietari, gestori o futuri gestori pubblici/privati, potranno
presentare proposte di valorizzazione attraverso l’applicazione e lo sviluppo di nuove tecnologie per i
Beni e le Attività Culturali.

Per info e dettagli: www.lazioinnova.it/news/

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.