Giornata nazionale del paesaggio, aperture straordinarie al Parco Archeologico dei Campi Flegrei


Giornata nazionale del paesaggio, aperture straordinarie al Parco Archeologico dei Campi Flegrei




Il Parco Archeologico dei Campi Flegrei aderisce il 14 marzo alla Giornata nazionale del Paesaggio, istituita dal Mibact, in collaborazione con Legambiente Città Flegrea e con il  gruppo archeologico Kyme.

Lo scopo della Giornata è richiamare il paesaggio quale valore identitario del Paese e trasmettere alle giovani generazioni il messaggio che la tutela e lo studio della sua memoria storica costituiscono valori culturali ineludibili, premessa per un uso consapevole del territorio e uno sviluppo sostenibile. Due gli eventi in calendario, alle Terme di Baia e all’Anfiteatro di Cuma, con apertura straordinaria.

Giornata nazionale del paesaggio, gli orari

Alle 11 e alle 15 sarà possibile partecipare ad un particolare percorso «Archeosensorial: alla ricerca del
benessere»
, all’interno del Parco Archeologico delle Terme Romane di Baia (via Sella di Baia, 22 – Bacoli).
Qui è prevista una passeggiata archeologica e naturalistica molto emozionante alla scoperta delle
specie della Macchia Mediterranea e delle antiche terme romane. Gli educatori ambientali del circolo di
Legambiente Città Flegrea guideranno i partecipanti gratuitamente alla scoperta di Baia antica, delle sue
terme, luoghi di benessere e relax, e della vegetazione florida che cresce nell’area archeologica di cui
saranno elencate le proprietà officinali e fisioteraupetiche (la prenotazione è obbligatoria +393311636020
e + 393281731302).

Per la Giornata del Paesaggio è prevista l’apertura eccezionale dell’Anfiteatro di Cuma (via Cuma, 320 – Bacoli) l’evento «A spasso nel tempo: alla scoperta dell’Anfiteatro Cumano e del paesaggio agrario flegreo». Qui gli esperti del gruppo archeologico Kyme accompagneranno il pubblico nella conoscenza del monumento e degli aspetti naturalistici del luogo (la prenotazione è facoltativa +393343329500)




L’anfiteatro cumano

L’anfiteatro cumano, ubicato nel suburbio della città immediatamente fuori le mura, fu edificato alla
fine del II sec. a.C. e risulta uno dei più antichi anfiteatri della Campania. Scavato solo parzialmente e
occupato da terrazze agricole, il contesto offre la possibilità di riconoscere colture tipiche dell’area
flegrea e di riflettere sull’uso del territorio e sulla costruzione dei paesaggi.

Parteciperanno all’evento gli studenti della scuola Plinio Il Vecchio – Gramsci di Bacoli (plesso di Cuma)
che illustreranno le vicende storiche e insediative dell’antica città di Cuma, con approfondimenti sulla
mitologia greco-romana, sugli autori classici che hanno descritto e tratto ispirazione dai luoghi flegrei,
sul tema dello spettacolo e dei ludi gladiatori nella società romana.

 



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*