Sabato 17 giugno visita culturale alla basilica di San Pietro in Vaticano





La visita guidata prenderà in esame la Basilica di San Pietro, il luogo sacro più celebre del mondo, una tappa irrinunciabile del Giubileo. Ogni giorno milioni di persone tra pellegrini, viaggiatori, religiosi e non religiosi rimangono incantati dall’immensità di questo luogo, uno straordinario prodigio di marmi colorati, ori, lapislazzuli, sculture e sontuosi sepolcri.
La Basilica di San Pietro è gremita di opere d’arte, pitture, sculture e mosaici, realizzati dai più grandi artisti di epoca medievale e moderna.

In età romana, sul colle Vaticano, fu edificato da Nerone un grande circo, nel quale fu martirizzato l’Apostolo Pietro. Le sue spoglie furono sepolte nelle vicinanze e, più di 250 anni dopo, Costantino costruì sopra la tomba di Pietro una splendida basilica.

Nel corso dei 68 anni durante i quali la residenza dei papi fu relegata ad Avignone, la basilica costantiniana fu trascurata a tal punto che qualunque restauro fu ritenuto inutile. Nicolò V stabilì di ricostruirla ex novo, affidando il progetto al Rossellino: tuttavia, per la morte del Papa, i lavori furono sospesi.

Toccò a Giulio II (1503-1513) dare inizio alla nuova Fabbrica di San Pietro, commissionando al Bramante di elaborare il progetto ed iniziare la costruzione dei lavori in quello che sarebbe divenuto un interminabile cantiere, durato ben 176 anni. Negli anni successivi seguirono altri progetti, finché Michelangelo, quasi settantenne, non diede inizio alla costruzione della cupola. Dopo la sua morte, il lavoro proseguì secondo il suo progetto che prevedeva la ripresa della pianta a croce greca, già adottata dal Bramante; tuttavia, sotto Paolo V (1605-1621), il Maderno decise in via definitiva l’impianto a croce latina.

La costruzione della cupola della basilica procedette tra ostacoli e difficoltà di vario genere: Michelangelo ne aveva iniziato la realizzazione in età avanzata, nel 1546, così, dopo la sua morte (1564), era stato finito soltanto il tamburo. Il lavoro fu portato a termine nel 1589 da Giacomo della Porta e Domenico Fontana.




Il colonnato della maestosa piazza è il capolavoro del grandissimo architetto Gian Lorenzo Bernini, che dà vita ad un impianto scenografico magistralmente connesso alla facciata della Basilica realizzata da Carlo Maderno.
Le due grandi ali aperte a semicerchio intendono simboleggiare le braccia della Chiesa, protese per accogliere l’umanità intera. Al Bernini dobbiamo anche il progetto delle 140 gigantesche statue che ornano la sommità del colonnato, realizzate con l’aiuto degli allievi.

L’obelisco, proveniente dal vicino Circo Neroniano, fu collocato nell’attuale posizione al centro della piazza da Sisto V, che incaricò del lavoro Domenico Fontana: l’erezione dell’obelisco suscitò meraviglia e stupore nel popolo di Roma. La lunghezza dell’interno della basilica è di 186,36 metri; la lunghezza esterna, portico compreso, è di 211,50 metri; il soffitto è alto 44 metri.
Le arcate della navata centrale sono alte 23 metri, quasi come l’obelisco della piazza; la cupola, internamente, è alta 119 metri, cui bisogna aggiungere i 17 metri della lanterna; il diametro della cupola è di 42 metri. Il baldacchino sovrastante l’altare è alto bel 29 metri, quanto Palazzo Farnese.

L’interno della Basilica comprende l’unica opera firmata da Michelangelo, La Pietà, una icona del Rinascimento romano, datata al 1499 e realizzata per un Cardinale francese: una scultura completamente di marmo di Carrara dove  la Vergine, ritratta con dolcissime fattezze di giovinetta, regge sulle ginocchia il corpo esanime del figlio, che sembra avvolto nel sonno tale è il senso di serenità e di beatitudine che promana dal capolavoro.

PASSEGGIATA D’ARTE Sabato 17 giugno, h.14:00 – 16:00

APPUNTAMENTO h. 14:00 di fronte all’edicola situata sotto il colonnato destro di Piazza san Pietro, all’angolo con via di Porta Angelica.

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: €12,50/ a persona in loco al referente, referente adm. Si prega di portare con sé banconote di piccolo taglio

INFO&PRENOTAZIONI:   segreteria@adm-arte.it  oppure  320 842 4686



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.