Cerveteri – Torna a casa il Cratere di Euphronios


Cerveteri - Torna a casa il Cratere di Euphronios




Con l’arrivo del Cratere di Euphronios si realizza un bellissimo sogno. Questo capolavoro che tutti noi attendevamo con tanta emozione è tornato nella sua casa naturale, che è Cerveteri”. Il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci ha commentato con soddisfazione l’esito della conferenza stampa di ieri, che ha visto una partecipazione senza pari. Al tavolo dei relatori presenze eccezionali come il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, l’Assessore regionale Lidia Ravera, la Soprintendente dell’Etruria meridionale Alfonsina Russo e il giornalista Fabio Isman, che non hanno mancato di riconoscere gli sforzi profusi dall’Amministrazione comunale. Presenti in sala più di trenta testate, oltre che i rappresentanti delle Istituzioni, i Sindaci e gli Assessori di alcuni Comuni del litorale, e le realtà attive nell’ambito della cultura, dell’archeologia e del turismo.

La presenza dei due capolavori di Euphronios, il Cratere e la Kylix – ha detto il Sindaco Alessio Pascucci – è un’opportunità per l’intero territorio oltre che per Cerveteri. È anche il coronamento di un anno di lavoro e di successi nel settore del turismo. Grazie agli importanti investimenti fatti dal Comune di Cerveteri insieme alla Regione Lazio e alla Soprintendenza per l’Etruria Meridionale, i nostri siti sono tornati a risplendere aumentando sensibilmente le presenze nella nostra città”.
In primo piano le parole del Ministro Dario Franceschini: “Il patrimonio culturale deve essere distribuito nel Paese. Credo che la mostra di Cerveteri sul Cratere di Euphronios vada prolungata anche nel periodo di Expo, che va da maggio a ottobre. E poi, chissà…
Sono parole che ci danno una grande speranza – ha detto il Sindaco Pascucci – e che dimostrano una rinnovata attenzione da parte delle Istituzioni verso la nostra città. Un’attenzione che sta crescendo grazie anche al ruolo della Soprintendenza per l’Etruria meridionale e dell’Amministrazione regionale. È una scommessa per il nostro territorio e un’opportunità irrinunciabile per lo sviluppo delle attività turistiche”.
Nel mese di maggio 2014, con l’arrivo della Kylix di Euphronios, il numero dei visitatori paganti del Museo Nazionale Cerite è triplicato (+317%, dati Mibact) rispetto al maggio 2013.
Questo risultato sorprendente – ha detto Pascucci – dimostra che la presenza di opere d’arte di rilievo ha una ripercussione diretta sul rilancio dell’economia cittadina. Nel periodo gennaio-agosto 2014 i dati del Mibact fanno registrare un aumento delle presenze sia alla Necropoli (+18,3%) sia al Museo Nazionale Cerite (+64%). Sono numeri che dimostrano l’importanza degli investimenti strutturali di questi anni. La Necropoli della Banditaccia e il Museo Nazionale Cerite sono in continua trasformazione, in grado di suscitare interesse anche in coloro che li hanno visitati recentemente. Le ‘tombe parlanti’ e il totale restyling della Necropoli, con l’accesso a tombe prima non visitabili, l’installazione delle teche multimediali del Museo, con l’apertura di una nuova sezione dedicata alla necropoli di Greppe Sant’Angelo, e oggi ancora di più, con l’esposizione per la prima volta nella storia della nostra città dei due Capolavori di Eufronio, uno accanto all’altro, hanno reso Cerveteri una meta irrinunciabile. – conclude Pascucci- Essere il Sindaco di una città sede di un Sito Unesco è un grandissimo onore, ma è anche una profonda responsabilità: abbiamo il dovere di valorizzare e rendere fruibile a tutti l’immenso patrimonio della nostra terra. Sappiamo però di non poter fare questo da soli. È per questo che contiamo sull’aiuto di tutti, anche dei nostri cittadini, ma soprattutto sul supporto di tutte le Istituzioni preposte”.

Ricordiamo che il Cratere di Euphronios venne trovato nel 1971 ad opera di alcuni tombaroli in una tomba di Cerveteri, e che fu venduto da due mercanti d’arte, Robert Hecht Jr. e da Giacomo Medici, per un milione di dollari al Metropolitan Museum of Art di New York. Nel 2006, dopo aver dimostrato l’illegalità dell’acquisizione del reperto e della successiva vendita, il prezioso Cratere è stato restituito all’Italia dove, è in mostra permanente al Museo Etrusco di Villa Giulia a Roma.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*